Mosca

Esistono 16 specie di mosche che si interessano al tartufo, mangiandolo o deponendovi le uova, alcune si interessano di quelli acerbi, altre dei maturi ed altre ancora dei marci.
È possibile quindi sfruttare questa loro caratteristica per individuare dove si trova il tartufo.
È necessario sostare in silenzio nel bosco, colpendo il suolo di tanto in tanto con un bastone per far volare l’insetto. Si studia il terreno, e individuato il punto di partenza si scava per estrarre il tartufo.
La legge assimila questa tecnica al bracconaggio.
Questo metodo veniva usato da chi non aveva il cane e conosceva i luoghi e le tartufaie con le tipiche bruciate sul terreno.
La raccolta è molto laboriosa e di poca entità.
Si può comunque sfruttare questo fattore con la raccolta fatta con il cane, usando le mosche circostanti come sentinella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.